MAP of Giuggiolandia
MAP of Giuggiolandia
MAP of Giuggiolandia
MAP of Giuggiolandia
MAP of Giuggiolandia
MAP of Giuggiolandia
MAP of Giuggiolandia
MAP of Giuggiolandia

One day I asked myself what makes me the man I am, a part of what I do for living.
Pretty tough question, ah?! But after several time I finally got an answer.
I realized I spent most of my life jumping from one place to the other and filling myself with the most beautiful experience you can ever have in your lifetime: having friends.  Cause I never lose the chance to do it, as a friend ( like drawing)  is a weapon of consciousness, makes you understand who you are an who you’re not, which paths are you following and with whom are you sharing it. That’s why I decided to celebrate all of them into something that I can always bring with me, wherever I am, wherever they are. I re-designed the map of the world  renaming the most important city of my life, creating geographically the land of my path of life. Every city becomes a nation, every nation got his habitants. The etymology Giuggiolandia comes from the term “ Giuggio”, a funny word that I coined to say “ friend” or “brother”. So literally Giuggio-Landia stands for Giuggio – Land: the Land of Friends. It starts from the genealogical three of my family and it goes to the last place I live in. Every Image got his own meaning and story, which are all explained in the “ Cartology of Giuggiolandia” in the last column. I printed 181 maps, and I gave it to all the people that makes it real, telling them to sing the map of another Giuggiolander  in case they would have randomly find it in another house. One of them sent me, once she had it, sent this quote by Tim Cahill:

“A journey is best measured in friends rather than miles”

Of course I never had the pretentious idea of inventing something new, but how couldn’t you smile when you realize the same concept of a bigger man, translating it with your own system of code?
The greatest thing is that, every time I look at the the map, I still find it terribly, inconceivably small.

Here the web version, please have a proper look

CARTOLOGIA DI GIUGGIOLANDIA

“Del marinaio di terra che stilò la prima mappa dell’Impero di Giuggiolandia si conosce ben poco, se non che nacque e visse ad Avia tra il MCMLXXXVI ed il MMXI d.C. ma si sospetta a tutt’ora un periodo trascorso a Milandia tra il MMV e il MMVIII d.C. Questa celebre e appariscente carta del mondo riporta sul bordo superiore la titolazione di quella che doveva essere l’utilità prima del documento, ovvero quello di stilare la mappa delle sue amicizie nel tentativo di tracciare la storia dei suoi viaggi tra il MMXI e il MMXIII d.C. Riportati nelle colonne ai lati infatti, partendo dal continente Europeco, i nomi di coloro che devono aver condiviso con lui ogni sorta di avventura. L’attrattiva principale della mappa rimane la prevalente impronta figurativa usata a discapito della fedeltà geografica dei confini di Givggiolandia: quattro cherubini soffianti forniscono la direzione dei venti, una coda di balena arpionata sulla sinistra del cartiglio esprime il carattere acquatico del viaggiatore, mentre sulla destra l’uomo con la testa di lupo drappeggiato in costumi arabi regge gli strumenti del disegno, vuole sicuramente celare un sottile autoritratto. Lo stemma navale, posizionato a nord sulla zona di caccia dei balenieri, riporta quello che doveva essere il motto dell’autore, la sibillina frase “Redibis Non Morieris” che offre una duplice interpretazione a seconda della punteggiatura che si voglia utilizzare ( “ritorni, non muori” o ” non ritorni, muori”). Poggiate alla marra dell’ancora, due croci greche, quasi ramponate, in segno di buono e cattivo auspicio, dualità espressa nel motto stesso e simbolo numerico di consapevolezza. La completa assenza di balene o altri mostri acquatici nelle superfici marine è un dettaglio importante: è usanza in mare credere nella presenza di mostri marini e si pensa che, se non avvistati, questi si celino interiormente nell’animo dei viaggiatore procurandovi i più svariati timori e turbamenti, ma anche fornendovi giuste coordinate e intuizioni necessarie alla vita in nave.  Questa carta, forse più di ogni altra, fornisce un punto di vista del tutto particolare e assolutamente unico di quella che è stata la storia di una vita trascorsa per mare e per terra, esplorando quella che sembra essere l’unica aspirazione universale, la ricerca di una fissa dimora.”

MAP of Giuggiolandia

  • Categories →
  • Graphic Design
  • Illustration
  • Personal